La mia recensione a Vorrei tu avessi di me di Maria Elena Giovannini

Ti scrivo mentre ti aspetto nella biblioteca dove ci siamo incontrate la prima volta, tu scrittrice e io lettrice, tu che leggi un altro romanzo io che aggiungo un nuovo articolo. Ti scrivo mentre aspetto il tuo puntuale passaggio…

 

Mi piace aprire con questa immagine quotidiana e familiare la mia recensione al libro di Maria Elena Giovannini, divenuta in breve tempo presenza preziosa in questo blog Le recensioni di Elena e cara confidente.

Vorrei che tu avessi di me di Maria Elena Giovannini è una silloge poetica che si compone di tre parti perfettamente legate: dove l’una giustifica l’altra, motivandola.

Il tono di Elena è asciutto, volutamente senza fronzoli, apparentemente semplice ma dal significato ermetico.

Per comprendere il contenuto di qualche poesia ho avuto necessità di leggere la successiva: per il carattere ermetico, appunto, della parola stessa, spesso, sono ricorsa alla poesia della pagina accanto che ne ha completato il senso. Mi riferisco alle poesie “Come riempire / Un vuoto / Che dura da mille anni […]” e la strofa a pagina 33 “La trattengo dentro di me / Cullandola / Il piu’ a lungo possibile […]”

Un senso di responsabilità ispira la prima parte della raccolta che l’autrice dedica a Claire. Qui il Vorrei si ripete come un augurio “Gesticolando / Aspetti cioccolata” per completare l’immagine della prima poesia “La fossetta / Impertinente / Del tuo sorriso

In questa prima parte l’assenza ancora non è pena:

“La tua assenza

Intorno a me

E’ zona d’ombra

Sul mio labbo

Quando rido”

 

E dopo la poesia Vorrei tu avessi di me che offre il titolo all’intero raccolta non poteva che aprirsi la sezione dal nome Amore, la più densa del libro.

Ricerca, racconto, fuga e desiderio si alternano in questa sezione.

 

Bellissima è Salim il mercenario “[…] hai la brace/ Dei tramonti nel deserto[…]

Anelando /

Ad una cosa sola:

Che con audacia

Tu venga a riprenderti

Cio che è già tuo

Da sempre”

 

E ancora altre parole e altre poesie per manifestare un sentimento forte e chiaro dell’autrice.

Dopo i sentimenti orgogliosi della sezione Amore si apre a conclusione del libro la terza sezione: Vita.

 

Più disincanto o più timore pervade adesso l’animo di Elena?

“[…]

Voleva portarmi

Tra le nuvole

e toccarmi

[…]

ho esitato

e lei si è coperta

[…]

E lei si è coperta di nuovo mi verrebbe da aggiungere adesso, a me, da lettrice.

 

Copertina del libro Vorrei tu avessi di me

Poesie
Nota introduttiva di Alessandro Perissinotto
ISBN 9789995997502 Vorrei tu avessi di me Edizioni Convivium, Luxembourg 2016, 76 pag, €9,00

Un pensiero su “La mia recensione a Vorrei tu avessi di me di Maria Elena Giovannini

  1. Che dolce sorpresa, scoprire oggi questa tua recensione. Quando la nostra amicizia cresce al ritmo di libri, seminari, scambio di idee e di risate.
    È come te, “émouvante”, con quella simpatica leggerezza che profuma l’aria delle fragranze del tuo animo.
    Merci 📚

Rispondi a Elena Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *